Preloader image
5 Consigli utili
57708
post-template-default,single,single-post,postid-57708,single-format-standard,select-core-1.4,pitch-theme-ver-3.3,ajax_updown_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,fade_push_text_top,grid_1300,vertical_menu_with_scroll,top_menu_slide_down,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
5 consigli utili

5 Consigli utili

Strategia social: 5 consigli utili per avere successo

Oggi la presenza sulle principali piattaforme social media è indispensabile per quasi tutte le realtà, poiché questi strumenti danno la possibilità di raggiungere enormi bacini di potenziali clienti.

Attenzione però a non commettere l’errore di buttarti allo sbaraglio in questa avventura. Come ogni aspetto del marketing, anche la presenza sui social network deve avere alla base una strategia social efficace e un’attenta pianificazione delle attività.

Nella creazione di una strategia social media bisogna valutare diversi aspetti, ma da una cosa non si può mai prescindere: partire dalla scelta degli obiettivi.

Solamente attraverso una selezione oculata degli obiettivi più adatti al tuo marchio e senza mai perdere di vista dove vuoi arrivare, potrai creare contenuti efficaci e adatti al tuo scopo.

Ecco cinque degli obiettivi più comuni e utilizzati nelle strategie di social media marketing.

1 – Creare la consapevolezza del marchio

Il concetto di brand awareness è legato alla riconoscibilità del marchio, è un concetto di marketing che serve a misurare il grado di conoscenza del brand presso i potenziali utenti.

L’aumento della brand awareness è l’obiettivo primario di ogni strategia social nella fase iniziale del ciclo di vita di un progetto: questo perché la consapevolezza del marchio ha una grossa influenza sul comportamento delle persone. Si tratta di una fase fondamentale: un brand forte e conosciuto è un patrimonio immenso per qualsiasi business.

Prima dell’avvento del web, la gestione della brand awareness era molto più semplice da attuare. Mezzi di comunicazione quali televisione, radio e stampa, erano i canali principali delle aziende per veicolare un messaggio al pubblico e per proporre il loro marchio. Al giorno d’oggi, invece, grazie alle piattaforme social, si procede attraverso messaggi personalizzati e contenuti mirati e diversificati, per instaurare una relazione attiva con il proprio pubblico.

2 – Migliorare la reputazione e l’immagine del marchio

Con il termine brand identity si intende l’insieme degli aspetti e degli elementi grafici e comunicativi che determinano la percezione e la reputazione di un brand da parte del suo pubblico. Quella percezione profondamente emotiva e istintiva, da cui dipenderà il gradimento e di conseguenza il successo.

Mentre la brand awareness fa riferimento alla capacità dei consumatori di riconoscere un marchio e di associarlo correttamente a un prodotto, la brand image è un concetto più qualitativo, che riflette il giudizio dei clienti relativamente al marchio stesso.

Applicare tali concetti anche a una strategia social è di fondamentale importanza. Tramite Internet è possibile incrementare il valore, la notorietà e la reputazione di un marchio, ma anche correggere eventuali risultati negativi che lo riguardano.

La riconoscibilità di un brand è strettamente legata alla sua reputazione da parte degli utenti, perché l’identità di marca non è altro che l’insieme di simboli e di valori che evocano un intero immaginario, che racchiudono tutto l’universo concettuale di un marchio: gli elementi grafici, la filosofia del brand e le peculiarità che lo contraddistinguono.

3 – Lanciare e promuovere iniziative

I social media rappresentano, inoltre, il canale preferenziale anche per la promozione di eventi e iniziative, poiché forniscono ai partecipanti un’esperienza coinvolgente e memorabile, che darà al tuo marchio e ai tuoi progetti ulteriore e gratuita visibilità.

Premesso che si potrà affrontare il discorso delle campagne a pagamento in altra e diversa sede, non è comunque trascurabile il contributo che le gratuite attività quotidiane di gestione del profilo social possono apportare sul buon esito delle iniziative, in particolare tramite tre distinte fasi:

4 – Migliorare il tasso di fidelizzazione dei clienti

La fidelizzazione, detta anche customer loyalty, non è altro che l’obiettivo di chi vuole premiare e creare maggiore soddisfazione tra i propri clienti già acquisiti tramite la propria strategia social, al fine di renderli sempre più fedeli al proprio marchio.

Per le realtà che hanno molta concorrenza, in un mondo dove tutti sono a portata di click, è fondamentale creare un rapporto di fiducia con i propri clienti, per spingerli a non acquistare altrove.

Secondo un recente studio in tema di strategie di marketing della multinazionale di consulenza Accenture, oltre il 90% delle aziende impiega attualmente una qualche forma di coinvolgimento dei clienti o programma di fidelizzazione. Perché dunque non inseguire questo obiettivo tramite la tua strategia di social media marketing?

5 – Generare maggiore traffico verso il sito web aziendale

La cosiddetta traffic generation, ovvero aumentare le visite alle pagine del proprio sito web, è un obiettivo che può essere a buona ragione inserito nella strategia social di chi vuole portare i propri contenuti sotto gli occhi del maggior numero di persone possibile.

Questo è il caso, per esempio, di chi lavora con l’informazione o di chi gestisce un qualsiasi Blog. Tramite contenuti mirati, è possibile spingere gli utenti a visitare il proprio sito e leggere gli articoli proposti.

Tags: